Monday, April 15, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


Tavola rotonda all’Università degli Studi Magna “Magna Graecia” di Catanzaro: “Un dialogo tra generazioni per il futuro dell’Ateneo”.

L’evento è aperto a tutti gli studenti interessati, che sono incoraggiati a partecipare e contribuire alla discussione. Si prevede un dialogo interattivo che consentirà agli studenti di porre domande, condividere opinioni ed apprendere dalle esperienze dei leader passati dell’Ateneo.


di Natale Talarico dalla Redazione Catanzarese per il Quotidiano l’Italiano

CATANZARO – Tavola rotonda all’Università degli Studi Magna “Magna Graecia” di Catanzaro: Un dialogo tra generazioni per il futuro dell’Ateneo.

Siamo lieti di annunciare una tavola rotonda eccezionale che si terrà Martedì 17 Ottobre alle ore 9:00.
L’evento riunirà i protagonisti chiave dell’Ateneo: gli attuali rappresentanti degli studenti e le personalità fondamentali che hanno contribuito alla sua fondazione, istituzione e continuato sviluppo.

La tavola rotonda rappresenta un dialogo senza tempo tra il passato,
il presente ed il futuro dell’Università degli Studi “Magna Graecia”.
Da una parte, avremo i visionari fondatori che hanno gettato le fondamenta di questa Istituzione, e dall’altra gli studenti attuali che incarnano lo spirito vibrante e dinamico della nostra Università.

Questo incontro offre un’opportunità unica per gli studenti di tutte le facoltà per ascoltare le esperienze e le prospettive di coloro che hanno plasmato il percorso dell’Ateneo nel corso degli anni.

Unisciti a noi per una discussione appassionante ed informativa sulla storia dell’Ateneo, sulle sfide affrontate e sulle prospettive che ci attendono nel futuro.

L’evento è aperto a tutti gli studenti interessati, che sono incoraggiati a partecipare e contribuire alla discussione. Si prevede un dialogo interattivo che consentirà agli studenti di porre domande, condividere opinioni ed apprendere dalle esperienze dei leader passati dell’Ateneo.

Morzello con il Prof. Gaetano Salvatore,Preside della II Facoltà di Medicina e Chirurgia di Napoli

Comments


Lascia un commento