Tuesday, April 23, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


Quando la salute mentale si cura e si difende in …palestra!

Nei soggetti più delicati – commenta Alfredo Mulè – anche solo una parola offensiva può essere percepita tanto forte come un pugno dritto in faccia. Per questo con i miei ragazzi, lavoro molto sull’autostima, a partire proprio da un semplice pugno.  Il bullismo è un triste fenomeno che si può sconfiggere con la consapevolezza di tutti noi, a partire dall’ambiente in cui viviamo, quello è un primo passo per fare la differenza. Esiste allora un fattore di protezione?

By L'Italiano , in Cronaca Italiana Rubriche Sport , at 5 Marzo 2023 Tag: , , , , ,

di Gianfranco SImmaco per il Quotidiano l’Italiano

ROMA – In Italia, secondo uno studio che ha coinvolto più di 1700 ragazzi e ragazze dai 14 ai 26 anni, ha recentemente stimato che uno studente su tre è stata vittima di almeno un episodio di bullismo, senza contare l’impennata del cyberbullismo.

E’ sempre più evidente che le vittime di questi due fenomeni, sviluppano attacchi di panico, disturbi alimentari, depressione, autolesionismo e pensieri suicidi. Nei soggetti più delicati – commenta Alfredo Mulè – anche solo una parola offensiva può essere percepita tanto forte come un pugno dritto in faccia. Per questo con i miei ragazzi, lavoro molto sull’autostima, a partire proprio da un semplice pugno.  Il bullismo è un triste fenomeno che si può sconfiggere con la consapevolezza di tutti noi, a partire dall’ambiente in cui viviamo, quello è un primo passo per fare la differenza. Esiste allora un fattore di protezione?

Se dovessimo fare una scaletta dopo la famiglia, la scuola, potremmo inserire le amicizie. Ma dove poter tessere e mantenere relazioni positive e di fiducia durature nel tempo? In un Dojo … Perché no in una palestra! Quel luogo dove trovi il maestro, un punto di riferimento sicuro a cui poter fare riferimento, specialmente in situazioni poco felici. Ecco presente l’associazione sportiva dilettantistica Team Mulè. Una squadra che oltre a praticare il Taekwon-do tradizionale si occupa da sempre del problema del bullismo, dando una giusta educazione marziale, sia ai propri atleti, che a bambini e ragazzi nelle scuole attraverso corsi e conferenze.

Da poco con il patrocino del Comune di Vinovo, in collaborazione con il loro sponsor Centri Medici Primo, ha fatto realizzare un fumetto contro il bullismo, un ottimo mezzo di comunicazione anche per i più piccoli. Il loro credo oltre ai cinque principi e la filosofia marziale coreana è quello di educare alla consapevolezza del proprio “Io”, alla scoperta delle proprie capacità, allenandosi in un ambiente sereno, divertente e famigliare.

Ed è proprio all’interno di questa scuola che si educa ad un reale cambiamento, per interrompere il circuito di quella violenza gratuita, anche se può sembrare un contro senso che questi insegnamenti arrivino proprio da uno sport da combattimento, nulla è come sembra

testatina

Comments


Lascia un commento