Saturday, December 3, 2022
Quotidiano Nazionale Indipendente


Quasi tremila tifosi catanzaresi sugli spalti dell’Appiani. Il capo tifoso storico Simmaco: “Siamo venuti sin quassù per sostenere le Aquile”

“Se il Catanzaro supererà questo ostacolo dimostreremo che il Regno delle Due Sicilie, almeno a livello calcistico è tornato in alto: una finale tra la capitale Palermo e il capoluogo di Regione sarebbe il sigillo finale su questo torneo che ha visto il girone C primeggiare sino alla fine a discapito delle squadre più forti del girone A e B. Perdonate il campanilismo ma quando il Sud avanza noi siano felicissimi … Che altro aggiungere? Spero che il mio “boooooooooooommm” possa scatenarsi al momento in cui Iemmello (o altri) segnerà per noi … “


di Nicola Colao per il Quotidiano l’Italiano

PADOVA – Sono arrivati in città con tutti i mezzi possibili e immaginabili. Pulman, treni, auto private, motociclette e qualcuno persino in monopattino (ma si tratta di quelli che abitano già a Padova.

Una marea giallorossa …intere falangi di tifosi assetati di vittoria hanno invaso il capoluogo di provincia veneta con la speranza nel cuore.

Tutti per assistere, ma ancor di più per tifare e sostenere la squadra del cuore nella partita che deciderà chi avrà diritto a disputare la finale play off. Finale che si prevede dovrà essere giocata contro il Palermo vista la vittoria con tripletta ai danni del Feralpisalò…

I tifosi giallorossi in viaggio

Probabilmente i tifosi (ufficialmente sono stati assegnati solo 1400 biglietti ma non sono conteggiati quelli che siederanno in altri settori) sarebbero stati ancora di più. Fortissime polemiche con l’amministrazione comunale locale per non aver allestito nessun maxi schermo (mentre da Catanzaro ne saranno allestiti almeno due, uno in centro ed uno a Catanzaro Marina), scelta che invece autonomamente hanno fatto diversi hotel e locali di Catanzaro. A Padova c’è molta attesa pure i tifosi biancoscudati ai quali è stato chiesto di accedere allo stadio già alle 18, in modo da incitare la squadra già dal riscaldamento. A tutti sarà consegnato il materiale per poter dare vita a una grande coreografia che si prevede sarà molto bella. 

L’arrivo dei tanti tifosi catanzaresi da fuori e la posta in palio hanno suggerito alle autorità cittadine di preparare un piano per la gestione dell’ordine pubblico per evitare inconvenienti di qualsiasi tipo e in Questura il Tavolo Tecnico ha dettagliato ogni precauzione per il servizio di ordine e sicurezza pubblica in occasione del match tra Padova e Catanzaro.

i tifosi giallorossi durante una sosta nel lungo viaggio da Catanzaro a Padova

Lo straordinario dispiegamento di risorse vedrà coinvolto in gran numero personale della Questura e delle Specialità della Polizia di Stato (Polizia Stradale e Polizia Ferroviaria), dei Comandi Provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza e del Corpo di Polizia Locale. Per la circostanza il Ministero dell’Interno ha assegnato contingenti di rinforzo del 2° Reparto Mobile della Polizia di Stato di Padova, del 7° Reparto Mobile di Bologna e del 4° Battaglione dei Carabinieri di Mestre. La riunione è stata preceduta da numerose altre riunioni fra cui quella del Gruppo Operativo Sicurezza Stadio (al G.O.S., oltre all’Autorità di Pubblica Sicurezza, siedono i rappresentanti delle società sportive, i Vigili del Fuoco, il soccorso sanitario ed i responsabili della sicurezza strutturale ed impiantistica dello Stadio) in cui si è determinata l’apertura anticipata dei cancelli dell’impianto alle ore 17.

Si prevede infatti che tutti i posti disponibili saranno occupati, per quello che si annuncia – fino ad ora – l’evento sportivo più “sentito” dell’anno. 

Il capotifoso Gianfranco Simmaco (di spalle) nel corso del viaggio verso Padova

Il capotifoso Gianfranco Simmaco (1929) ai microfoni del nostro inviato al seguito dell’evento agonistico ha voluto rilasciare alcune dichiarazioni: “Siamo partiti da Catanzaro ed abbiamo affrontato un viaggio notturno per essere qui a Padova dove dagli spalti dell’Appiani inciteremo i nostri beniamini. Non faccio pronostici ma è evidente che spero si possa ritornare tutti insieme vincitori e offrire alla nostra città la possibilità di giocarci una finale in grande stile. Se il Catanzaro supererà questo ostacolo dimostreremo che il Regno delle Due Sicilie, almeno a livello calcistico è tornato in alto: una finale tra la capitale Palermo e il capoluogo di Regione sarebbe il sigillo finale su questo torneo che ha visto il girone C primeggiare sino alla fine a discapito delle squadre più forti del girone A e B. Perdonate il campanilismo ma quando il Sud avanza noi siano felicissimi … Che altro aggiungere? Spero che il mio “boooooooooooommm” possa scatenarsi al momento in cui Iemmello (o altri) segnerà per noi … Tutti in Fuga per la vittoria finale…e un saluto agli amici tifosi che non sono potuti essere qui a Padova ma che ci seguiranno sugli schermi in Città! Alé Catanzaro Alé”.

Gianfranco Simmaco alla partenza da Catanzaro

Ovviamente abbiamo dovuto tagliare e interrompere il capotifoso Gianfranco Simmaco in tenuta “di guerra sportiva” che avrebbe voluto dilungarsi ancora… Se i calciatori catanzaresi in campo avessero una % in più di quello che può dare la carica di un tifoso siamo sicuri che oggi non ci sarà spazio per nessun avversario.

Davide Rubino insieme ad altri concittadini catanzaresi in giro per le strade di Milano dove sono giunti in aereo per poi proseguire alla volta di Padova – prima del match con i vessilli giallorossi che garriranno al vento sugli spalti dell’Appiani

Comments


Lascia un commento