Sunday, April 21, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


Sindone e insegnamento della Religione Cattolica

Il Corso, offerto prevede che per la parte finale di ogni lezione sarà dedicata alle indicazioni delle fonti di approfondimento e alle domande dei partecipanti al Corso.
Coordinatrice del Corso: la Prof.ssa Emanuela Marinelli, nota esperta sindonologa.

By L'Italiano , in Corpo Diplomatico Cronaca Italiana Letteratura Rubriche , at 5 Ottobre 2023 Tag: , , , ,

di Nicola Colao – dalla Redazione Centrale del Quotidiano l’Italiano

ROMA – Sotto l’alto patrocinio dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum parte un corso specializzato nello studio della Santa Sindone.

La Sindone di Torino, nota anche come Sacra Sindone o Santa Sindone, è un lenzuolo di lino conservato nel Duomo di Torino, sul quale è visibile l’immagine di un uomo che porta segni interpretati come dovuti a maltrattamenti e torture compatibili con quelli di un condannato alla crocefissione e descritti nella passione di Gesù. Molte persone identificano la vittima di tali torture con Gesù e il lenzuolo con quello usato per avvolgerne il suo corpo nel sepolcro.

Il termine “sindone” deriva dal greco σινδών (sindon), che indicava un ampio tessuto, come un lenzuolo, e che se specificato poteva essere di lino di buona qualità o tessuto d’India. Anticamente il termine “sindone” era generico e non collegato alla sepoltura, ma oggi il termine è ormai diventato sinonimo del lenzuolo funebre di Gesù.

Nel 1988, l’esame del carbonio-14 sulla Sindone, eseguito contemporaneamente e indipendentemente dai laboratori di OxfordTucson e Zurigo, ha datato la sindone in un intervallo di tempo compreso tra il 1260 e il 1390, periodo corrispondente all’inizio della storia della Sindone certamente documentata. Tale datazione è messa in discussione da alcuni studiosi, in particolare per le contaminazioni subite dalla Sindone nei secoli (una fra tutte l’incendio che l’ha parzialmente danneggiata)

L’Istituto Superiore di Scienze Religiose (ISSR) in collaborazione con l’Istituto Scienza e Fede (ISF), fornisce ai docenti di Religione Cattolica le indicazioni didattiche per presentare agli studenti la Sindone e le numerose ricerche che si sono svolte attorno ad essa. L’argomento sarà trattato in dodici lezioni, ognuna di tre ore, per un totale di trentasei ore di lezione.

Il Corso, offerto prevede che per la parte finale di ogni lezione sarà dedicata alle indicazioni delle fonti di approfondimento e alle domande dei partecipanti al Corso.
Coordinatrice del Corso: la Prof.ssa Emanuela Marinelli, nota esperta sindonologa.

Ed ecco le DATE E gli ORARI delle LEZIONI che partiranno dal 6 ottobre c.a. e potranno essere seguite anche da remoto attraverso i consueti canali telematici:

6 ottobre 2023: Prof.ssa E. Marinelli, Descrizione della Sindone, il tessuto e le tracce visibili13 ottobre 2023: Prof.ssa E. Marinelli, La Storia antica, documenti scritti e iconografici20 ottobre 2023: Prof.ssa E. Marinelli, La Storia moderna27 ottobre 2023: Prof. P. A. Dalton, LC, La Sindone nella prospettiva biblica e pastorale; la Sindone e la fede3 novembre 2023: Prof. B. Barberis, Le microtracce e il sangue10 novembre 2023: Prof. B. Barberis, L’immagine17 novembre 2023: Prof. B. Barberis, La radiodatazione24 novembre 2023: Prof. P. R. Pascual, LC, La Passione1° dicembre 2023: Prof. P. R. Pascual, LC, La Morte15 dicembre 2023: Prof. P. R. Pascual, LC, La Risurrezione22 dicembre 2023: Prof.ssa L. D’Adamo, Esperienze in classe nella Scuola primaria, Prof. L. Giorgioni, Esperienze in classe nella Scuola secondaria di primo grado12 gennaio 2024: Prof. A. Malantrucco, Esperienze in classe nella Scuola secondaria di secondo grado, Prof. Don D. Repice,
La Sindone nel web Mi voglio iscrivere
Date 6 ottobre 2023 – 12 gennaio 2024, ogni venerdì pomeriggio dalle 16:00 alle 18:30 Iscrizioni
5 giugno – 25 settembre 2023 ModalitàIn presenza (studenti ospiti, con ECTS) e online (studenti uditori). Costo
Studenti UDITORI: 50,00 euro
Studenti OSPITI con esame e crediti: 100,00 euro. Il corso può essere pagato con la Carta Docente.


Comments


Lascia un commento