Sunday, April 21, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


L’on. Mario Tassone (nCDU): “Quando una maggioranza di governo si astiene dal partecipare ai lavori della Commissione Esteri chiamata ad esprimersi sul MES e il primo voto sul provvedimento di ratifica passa con i voti della opposizione, siamo al disastro politico”

Così come non è bastata la maggioranza di voti conquistata dal centro destra nelle ultime elezioni del 25 settembre a rendere coesa una coalizione e consapevole degli obiettivi da raggiungere. Quando non c’è la Politica, forza generatrice di scelte ,ma è sostituita dalla gara di presunti eroi, tutto è risucchiato in un personalismo che produce schiere di individualità.


di Mario Tassone * per il Quotidiano l’Italiano

ROMA – La politica italiana è solo una idea, una eco che viene da un tempo dove c’erano cittadini organizzati dai partiti, una fitta rete di rappresentanza di interessi ,sindacati non assorbiti dal sistema dispensatore di gratifiche, un associazionismo espressione alta di socialità.
Oggi tutto questo non c’è più. Anche i ricordi si appannano e si disperdono.
L’architrave su cui si era garantito lo sviluppo nella libertà e nella democrazia, dopo il secondo dopoguerra, cede.
Luci e ombre proprie del vivere civile non hanno impedito che le grandi idee si affermassero e le istituzioni di rappresentanza democratica fossero i garanti dello sviluppo civile.
Il logoramento della Politica parte da lontano e oggi siamo a un “giro di boa”.
Quando le fondamenta di una costruzione si indeboliscono, non ci sono accorgimenti per frenare il crollo.
Così come non è bastata la maggioranza di voti conquistata dal centro destra nelle ultime elezioni del 25 settembre a rendere coesa una coalizione e consapevole degli obiettivi da raggiungere. Quando non c’è la Politica, forza generatrice di scelte ,ma è sostituita dalla gara di presunti eroi, tutto è risucchiato in un personalismo che produce schiere di individualità. Quando una maggioranza di governo si astiene dal partecipare ai lavori della Commissione Esteri chiamata ad esprimersi sul MES e il primo voto sul provvedimento di ratifica passa con i voti della opposizione, siamo al disastro politico.
Quando Salvini declassa il parere reso dal Ministro della Economia Giorgetti del suo partito a parere tecnico, negando valenza politica, siamo all’oltraggio del Parlamento e a un ulteriore comportamento vile di un Ministro che non si ribella a una offesa che ricade purtroppo sulle istituzioni.
Si ha contezza della gravità che un Ministro dell’Economia che esprime al Parlamento il parere viene ridotto a un complemento tecnico burocratico?
E poi vorremmo rispetto dall’Europa?
Il sistema non regge quando si violano principi costituzionalmente garantiti. Senza politica senza i grandi movimenti di pensiero motori della storia non si va da nessuna parte.
Si va a sbattere.
É durata troppo la rappresentazione di un “mondo” di pochi senza la gente.
É un controsenso.
É il ritrovarsi con tante ambizioni, solo ambizioni che uccidono la democrazia

Mario Tassone *

Mario Tassone * è un politico italianosegretario nazionale del partito da lui fondato: il Nuovo CDU. È stato sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri nel governo Fanfani Vsottosegretario di Stato al Ministero dei Lavori Pubblici nei governi Craxi ICraxi II e Fanfani VI e viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti nei governi Berlusconi II e Berlusconi III.

Comments


Lascia un commento