Wednesday, May 22, 2024
Quotidiano Nazionale Indipendente


On. Tassone (nCDU): “Ci troviamo alla vigilia di un “golpe” come quello del 93/94? Ci sono tutti gli ingredienti come il provvedimento sul regionalismo, contro il quale bisogna mobilitarsi senza sconti”

E’ assurdo non pensare a modificare la riforma costituzionale del 2001, un obbrobrio, fatto dalla allora maggioranza di sinistra sotto la guida della Lega e di Calderoli, a cui va riconosciuta grande capacità.
Le regioni avrebbero competenze “inusuali” in politica estera e nei rapporti economici con altri Paesi.
I presidenti delle regioni di centro destra del Mezzogiorno sono stati catechizzati e ripetono che per il Sud l’espansione del regionalismo sarebbe una grande opportunità.


di Mario Tassone * per il Quotidiano l’Italiano

ROMASulla Autonomia Differenziata non credo,ci sia una riflessione seria sulla portata di una riforma, che è devastante.
Gli ultimi pilastri su cui si regge la nostra repubblica si sbriciolerebbero, aprendo prospettive infauste: la Repubblica come pensata dai costituenti non esisterebbe più. I disegni eversivi colpirebbero ancora, divorando le ultime enclavi della democrazia. L’Italia diverrebbe una federazione con territoti dotati di competenze esclusive in molte materie strategiche: una sommatoria di piccole, medie e macro “patrie” con un Parlamento non più centrale, svuotato dal Movimento 5 Stelle, che ha fatto strame della ragione e delle istituzioni democratiche, con la complicità del PD.
E’ assurdo non pensare a modificare la riforma costituzionale del 2001, un obbrobrio, fatto dalla allora maggioranza di sinistra sotto la guida della Lega e di Calderoli, a cui va riconosciuta grande capacità.
Le regioni avrebbero competenze “inusuali” in politica estera e nei rapporti economici con altri Paesi.
I presidenti delle regioni di centro destra del Mezzogiorno sono stati catechizzati e ripetono che per il Sud l’espansione del regionalismo sarebbe una grande opportunità.
Si parla di fondo di perequazione, di rivisitazione della spesa storica e fabbisogni standard.
Un assistenzialismo corrosivo si fa strada.
Con l’Autonomia finirebbe di fatto L’Unità’ dell’Italia e i centri decisionali sarebbero appannaggio delle aree forti e protette.
Vi è una maggioranza di governo che sostiene la elezione diretta del “premier”.
Sarebbe una disintegrazione dello Stato di diritto: un capo dì governo con più poteri ad esempio la nomina dei ministri (oggi prerogativa del Capo dello Stato su proposta del presidente del consiglio) e la revoca dei ministri, senza il bilanciamento di un Parlamento svuotato, sarebbe un scivolamento autoritario.
I centri decisionali del Paese sono gli Enti di Stato e i poteri forti quelli visibili e nascosti che come nelle migliori tradizioni di alcune repubbliche sud americane dispiegano le loro attività, il loro “sapere” e i loro favori.
E i Ministri dell’Economia, della Transizione Ecologica e dello Sviluppo Economico? Sono stati dotati di leggii di pregio artisticamente intagliate, per leggere documenti preparati fuori dai Ministeri.
Il mio ragionamento trova conferma quando si evoca (si è aggiunto Renzi) il sindaco d’Italia nella elezione del capo del governo, che terrebbe in ostaggio quello che rimane del Parlamento, così come avviene per i Comuni e per la Regioni con i Sindaci e I presidenti: simul stabunt simul cadent.
L’Autonomia regionale uccide la Democrazia.
Oggi l’on. Meloni parla di Nazione e non più di Patria, sottigliezze che, non riguardano il Paese sfilacciato in tanti rivoli di poteri senza controllo.
Il resto sono parole che non fanno più sognare.
E poi quale sarebbe il ruolo del Capo dello Stato?
Ci troviamo alla vigilia di un “golpe” come quello del 93/94 ? Ci sono tutti gli ingredienti come il provvedimento sul regionalismo, contro il quale bisogna mobilitarsi senza sconti.
Una contro rivoluzione pacifica per la libertà: inizio di un cammino in cui un’area moderata ritrovi la sua ragione nella politica!

Mario Tassone *

Mario Tassone * è un politico italianosegretario nazionale del partito da lui fondato: il Nuovo CDU. È stato sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri nel governo Fanfani Vsottosegretario di Stato al Ministero dei Lavori Pubblici nei governi Craxi ICraxi II e Fanfani VI e viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti nei governi Berlusconi II e Berlusconi III.

L’onorevole Mario Tassone sempre attento nel commentare gli sviluppi della politica nazionale

Comments


Lascia un commento